lunedì 16 ottobre 2017

la febbre del sabato sera

foto da web

La settimana appena passata ha visto, ancora una volta, un massacro di germi che ci siamo rimbalzati da uno all'altro... prima il più piccolo, poi io, poi il grande... tutti in versione vomito.
Per fortuna non l'abbiamo avuta tutti contemporaneamente (come è già capitato) ed è durata davvero poche (ma lunghissime e strazianti) ore.
Come di consuetudine, i bambini si sono ammalati a cavallo dei fine settimana... uno il sabato notte e l'altro il giovedì... perché a casa nostra funziona così: ci si ammala per il fine settimana.
Uno pensa di fare tante cose il sabato e la domenica, di stare insieme, di fare le pulizie, di lavare, di riposarsi e invece TRACK!
Arrivano i germacci dal nido, piuttosto che dalla materna, piuttosto che dal vicino di casa o da qualsiasi altro untore presente al mondo e incominciamo la nostra catena dei malanni.

Ripensando a quando ero malata io da bambina ricordo che, avendo i miei genitori la loro attività attaccata a casa, mi lasciavano tutto il giorno nella mia cameretta (in modo da non espandere i germi), venendomi a controllare febbre o quant'altro a metà mattina circa, a mezzogiorno e alla sera.
Per fortuna c'era la mia Nonna che faceva ogni tanto capolino dalla porta comunicante tra mia e la sua stanza. Mi salutava quando usciva al mattino per andare alla Messa, mi tornava a trovare prima di pranzo ed era bello sentire il rumore dei passi che salivano la scala al suo rientro, poi il tic della porta,  il cigolio dell'anta dell'armadio quando ritirava il suo soprabito, sentirla trafficare con le padelle in cucina, accendere la tv con il telegiornale, camminare con le ciabatte quando si muoveva da una stanza all'altra con il parquet che scricchiolava, ascoltavo tutti i rumori provenire da casa sua... sapevo di avere qualcuno vicino, anche se mamma e papà lavoravano praticamente al piano di sotto.
Anzi, anche i loro rumori erano inconfondibili... i trrrrrrrrrr delle macchine da cucire che andavano veloci o quello più ritmico della macchina da ricamo, il telefono che squillava con la voce del Papà che rispondeva "Proontooo?" e il grido "Giaaaaannnaaa, vieni un momento", l'aprirsi e il chiudersi veloce della porta dello studio e di quella di casa.
E se mi ammalavo per più di un giorno, la mamma, tra una corsa e l'altra, passava in edicola o in cartoleria per comprarmi un giornalino da leggere a letto oppure una piccola sorpresina per tirarmi un po' su il morale e per farmi passare il tempo.
Solo quando sono diventata un po' più grande è arrivata in cameretta la televisione, una piccola, in bianco e nero con 4 canali e un'altenna che prendeva solo rai1, la svizzera, antenna 3 e videonovara.
Ricordo che un fine settimana mi sono sparata tutte le gare di bob e sci di non so che gara invernale mondiale... forse perché non avevo la forza di alzarmi a spegnerla (non aveva il telecomando, si girava una manopolina del volume, tipo quello della radio)... almeno avessero dato il pattinaggio su ghiaccio!

Anche voi alle prese con i malanni di stagione?
Cosa ricordate di quando i malati in cameretta eravate voi?



venerdì 13 ottobre 2017

idea riciclosa: animaletti d'autunno e non solo...

Lo scorso anno in questo post, ho illustrato come creare con semplici elementi naturali dei simpatici animaletti: con foglie, pigne, ghiande e un po' fantasia è possibile giocare un pomeriggio con i nostri bimbi... pasticciare e divertirsi!
Ecco altri spunti tratti da Pinterest!


Disegnare con le forme delle foglie
per dar vita a ricci, volpi, renne e spaventapasseri


Una manciata di foglie secche, un piatto e due cucchiai si trasformano in un leone!


Alcune pigne in versione pinguino!


Per decorare la tavola bastano una candela, delle foglie o ghiande e un contenitore di vetro!
Atmosfera garantita in poche semplici mosse!


Stanchi della solita zucca di Halloween?
Con le foglie secche si possono fare fantasmini e faccine da paura
per decorare con originalità!

E voi come riciclate
tutti questi materiali d'autunno?




mercoledì 11 ottobre 2017

autumn wedding: come un girasole

Ideale per le Spose di fine settembre, il tema del girasole ritorna sempre di moda... forse per il suo colore solare, caldo e accogliente, forse per la sua particolarità pur essendo un fiore semplice.
Ecco alcune idee per un matrimonio "come un girasole".


wedding idee
(partendo dall'alto)
1. abbinato ad un classico abito bianco
un particolare bouquet di girasoli, velo da sposa e riccioli verdi
2. un piccolo girasole diventa il fiore all'occhiello per lo sposo
  3. l'ampia corolla del girasole
si trasforma in un naturale cuscinetto portafedi
4. ad accogliere gli invitati
un pannello rustico dipinto a tema
5. "prenderne uno e guardare l'amore crescere"
in una carriola sono deposte le bomboniere:
semi di girasole da coltivare
6. allestimento a tema per i tavoli:
lanterne rustiche con candele
su tappeto di muschio, incorniciato da girasoli
e ancora... vasi di cristallo con sfere di girasoli
  
Il menu, posizionabile sul piatto di ogni commensale,
 è graficamente coordinato a tutto l'evento.
I caratteri classici sul tono del marrone
spiccano bene su un fondo acquerellato beige
da cui fa capolino questo splendido fiore: il girasole.



venerdì 6 ottobre 2017

idea riciclosa: quadretti fai-da-te autunno

Ve lo ricordate l'angolo della mia scala?
I quadretti fai da te, con l'arrivo dell'autunno, hanno cambiato veste!
Ecco come!



Per il mese di settembre/ottobre ho scelto alcuni elementi che ricordano la stagione e non solo:
1) una piuma che scrive la parola LOVE, amore, perché quello non deve mancare mai!
2) un motto energetico "vivi-lavora-crea"
... sperando di riuscire a fare tutte queste contemporaneamente e con lo stesso slancio
3) una bella zucca (come me) con l'augurio di un buon autunno
4) un alfabeto stilizzato, in onore di Tatino che ha iniziato la scuola
5) gocce di pioggia colorate con la scritta tradotta letteralmente "Balla, anche quando piove!"

...e l'ultima, ispirata ad una grafica già esistente che ho rinnovato con l'aggiunta di una foglia secca trovata dal mio bimbo nel parcheggio del supermercato
"Mamma è bellissima! Possiamo portarla a casa...? Te la regalo!"
 :) Come fare felice una mamma!!!

Fall in love, fatti, ha due significati: Autunno d'amore e Innamorarsi!!!!
...Sempre di più delle cose semplici e di quello che abbiamo sotto il naso ma, a volte, non riusciamo a vedere!


Scarica anche tu questa grafica e appendila nei tuoi quadretti
o sulla tua scrivania!



mercoledì 4 ottobre 2017

preparativi wedding

Molte coppie decidono la data del loro matrimonio un anno prima... perciò l'autunno e l'inverno diventano momenti propizi per iniziare a pianificare i primi preparativi.
Ecco alcuni suggerimenti per la Sposa che desidera organizzare uno dei giorni più importanti, curando ogni piccolo particolare...

Non sono una wedding planner, offro dei consigli pratici perchè ci sono passata anche io!
Ma posso guidarvi nella scelta e nella realizzazione di partecipazioni, inviti, buste, libretti della messa, menu e bomboniere in coordinato con tutto l'evento.
Principalmente opero nella zona di Novara e Provincia, quindi, cosa aspetti!

lunedì 2 ottobre 2017

natale fuori tempo

Ci sono giorni in cui pensi che tutto il resto del mondo viaggi su un'isola felice, mentre i tuoi figli dicono sempre e solo NO, NON VOGLIO.
Poi "incontri" sul web una grafica calda, accogliente... ti sembra di essere approdata in un piccolo angolo di paradiso...
Ti immergi nella lettura e scopri un "candy" un gioco ad estrazione a cui partecipare per festeggiare i 50 lettori fissi...
Io non sono fortunata in questi giochi, ma ci provo sempre, sono una testa dura!
Poi, una di quelle giornatine-ine-ine come quella di cui sopra, ti arriva un messaggio che hai vinto. Ho vinto proprio io, con il mio faccione bello in primo piano... URKA!
E, puntuale come un orologio svizzero, tac che arriva la sorpresa per posta!
Spacchetto come se fosse Natale fuori tempo: già l'etichettina con il nome mi piace da matti, ma possibile che io non le abbia delle etichettine così belle per me?
Sono un po' come il ciabattino che ha sempre le proprie scarpe bucate...
Ma cosa cosa ci trovo dentro?
Delle meraviglie: un piccolo pannello di tessuto ricamato a punto croce con, come soggetto, un gatto (che io adoro) e un fantastico blocchettino con matita... io credo che nella cancelleria e in queste cosucce carine potrei perdermi...

Il tutto con un bel bigliettino, sempre solare nelle immagini e nelle parole!



Grazie Fioredicollina
i tuoi girasoli mi hanno irradiato il cuore di gioia!!!!
Anche ora che la tua grafica ha messo le vesti autunnali, resta sempre calda e originale!

E, alla fine, ho deciso di partecipare anche al mio primo swap di autunno... il tuo!



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...