venerdì 15 dicembre 2017

idea riciclosa: 10 cose di cui i bambini non hanno bisogno a Natale

Il Natale è ormai alle porte, manca davvero poco... qualche anno fa ho allegato questa lettera ai regali dei miei parenti più stretti, ma non penso ne abbiamo compreso davvero il significato, anche a distanza di diverso tempo...
qualcuno l'ha pure chiamata "i 10 comandamenti"...
Ma io credo fortemente in quello che c'è scritto e, nonostante oggi possa sembrare un messaggio controcorrente, i miei ricordi da bambina di Natale seguivano queste regole anche se non erano scritte da nessun parte...
Poi, crescendo, siamo diventati genitori, zii, nonni e ci siamo un po' "persi via", dimenticando il vero significato delle feste, pensando che gli oggetti vengano prima di molte altre cose, anche prima del tempo "speso" insieme.




Io la penso così... e voi che ne dite?


14 commenti:

  1. Bello questo post Eli :).

    Sul primo punto non sono d'accordo: o meglio, i bambini devono giocare, giocare, giocare, giocare, giocare. Vero che noi bambini nati nel 1983 ci si metteva in un angolino a disegnare o a giocare e non c'era bisogno che ci si portasse a destra e sinistra, anzi. Per noi poi la tv era un fattore importante, ma almeno io, non trascorrevo tutte le giornate dalla mattina alla sera, anzi, i miei sono sempre stati abbastanza rigorosi (per questo come telespettatore di cartoni ero comunque selettivo).

    Sul secondo nulla da dire: per i bambini il perfetto Natale è quello in cui si ricevono bei giocattoli :D.

    D'accordissimo, o meglio: un regalo unico, ma grande, da Babbo Natale.

    Cose inutili: diciamo che bisogna scegliere il regalo giusto.

    E' inutile sì, fare debiti per fare regali: un regalo può essere piccolo, ma se ben studiato e mirato, renderà il bimbo felicissimo.

    D'accordissimo, il Natale non deve essere la festa dell'egoismo. E allo stesso modo vanno ricordate e raccontate le tradizioni. Poi ognuno è libero di credere, praticare ecc.

    L'ultimo punto mi trova d'accordissimo. Secondo me il Natale perde un po' di magia perché rimane troppo immortalato nelle foto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Riccardo! Hai compreso in pieno i miei punti, molto più tu che parenti miei con cui sono cresciuta... O__O
      Forse nel primo punto mi sono spiegata un po' male... i bambini devono assolutamente giocare, ma la giornata è lunga (come anche le loro vacanze di natale) quindi un po' di coinvolgimento nella vita quotidiana può essere l'occasione per imparare qualche cosa di nuovo: fare un bel fiocco da soli (e capire come si allacciano le scarpe), aiutare in casa/cucina chiacchierando, dosando ingredienti e leggendo una storia, stando insieme e pasticciando un po'!
      Quello che NON vorrei vedere sono i bambini imbambolati h24 davanti alla TV, così stanno buoni e non imbrogliano nei lavori pre-natalizi... quelli sballottati da un nonno e da un altro, costretti a finire i compiti senza un minimo di stimolo, quelli trascinati nei centri commerciali per gli ultimi acquisti, quelli che chiedono "vuoi giocare con me" e la cui risposta è sempre "adesso non posso, non ho tempo"... se uno fa un figlio il tempo per lui lo deve trovare.
      p.s. poi un po' di tv ci sta, ma come ai tempi nostri: selettiva e controllando l'orologio!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Grazie Sinforosa! Della tua sottoscrizione non avevo dubbi! Un abbraccio Eli

      Elimina
  3. Condivido tutto ciò che hai scritto. Vedo qualche mio nipote che va alle scuole elementari, di compiti ne ha da fare, anche durante le vacanze e quindi senza far niente non rimane mai. Comunque viene sempre insegnato a darsi da fare in casa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marta! Una mano in casa serve sempre! E in più gli rimarrà come bagaglio quando crescerà! Un abbraccio Eli

      Elimina
  4. Alleluia.
    :)

    (e buon Natale, di cuore!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Polepole! Buon Natale di cuore anche a te!

      Elimina
  5. Un decalogo intelligente e veritiero, che io sottoscrivo.
    Capisco anche che, ahimè, sia di non facile comprensione... o meglio di non facile ACCETTAZIONE, nel senso che può essere visto come una lista di regole un pò "scomode" per noi adulti in realtà, non voledo prendersi la responsabilità di dare ai nostri bambini un'educazione che comporta delle scelte e dei modi di fare che vanno controcorrente rispetto al consumismo e al mondo caotico in cui viviamo, purtroppo :(
    Basterebbe poco capire che mettendo in pratica queste regole si fa il bene dei bambini e li si può fare felici in modo semplice e positivo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maris! Hai colto nel segno! Forse è più difficile per noi adulti che per i bambini accettare queste "norme"!
      Alla fine a loro basta poco per essere felici, ma per noi adulti quel "poco" è scomodo! Un abbraccio Eli

      Elimina
  6. Ogni tanto qualche inutilità che piace si deve concedere... questo è il Natale :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vuoi ti concedo volentieri i migliaia di giochi parcheggiati perennemente in sala, sul tavolo, in cameretta e in taverna... :D

      Elimina
  7. Come non essere d'accordo? Peccato che i parenti di queste regole se ne freghino, facendo a gara a chi porta più regali, senza nenanche guardare se sono oggetti plasticosi che si romperanno subito o enormi che danno fastidio e se piacciono davvero al bimbo di turno ed ai genitori, ahimè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna da noi non c'è questa gara, ma comunque si sentono in "dovere di portare" perché è Natale, perché sono bambini...
      e non capiscono che, proprio perché è Natale e perché sono bambini, bisognerebbe fare "materialmente" di meno e "qualitativamente"di più! Ma passiamo del tempo insieme!!!! E' quello che fa la differenza!!!!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...